Ultime notizie di calcio

Pirlo, l’omaggio di Nesta, Buffon e Totti

Pirlo, dopo aver detto basta al calcio, arrivano i messaggi social dei suoi vecchi compagni nel Mondiale 2006: “Grande campione e maestro, unico in tutto quello che faceva”

Con l’eliminazione del New York City in semifinale di Eastern Conference, si chiude la carriera di Andrea Pirlo. Dai primi passi col Brescia nel lontano 1994 all’esperienza finale in Mls, con all’interno successi, pianti, trofei, imprese. Un percorso del genere – che consegna alla storia uno dei più grandi registi nella storia del calcio moderno -non si cancella con un colpo di spugna. Perché Andrea non è stato un giocatore come tutti gli altri. Spesso lontano dalla ribalta e dall’occhio delle telecamere, lui ha preferito sempre far parlare il campo e gli avversari (o compagni) di una vita, che oggi gli rendono omaggio. Tra questi – è inevitabile – anche gli eroi di Berlino. Quelli che con lui hanno condiviso il momento più alto a cui un calciatore può aspirare: la vittoria del Mondiale, nel 2006. Da Totti a Buffon e Nesta, passando per Cannavaro e Gattuso: tutti uniti come undici anni fa ringraziare e abbracciare il fuoriclasse nell’accezione più pura del termine.Buffon e Totti — Gianluigi Buffon, che con Pirlo ha condiviso anche gli ultimi anni in Italia (alla Juve) del regista, lo saluta con un post su Instagram che recita: “Chi ha giocato con Andrea ha compreso il significato della parola ‘unico’. Campione che ha alternato classe, eleganza e umiltà”. Un messaggio speciale arriva anche da Francesco Totti, avversario di tante battaglie con la sua Roma ma unito nel ricordo di quelle magiche notti tedesche: “E’ stato un onore giocare con te e contro di te, un campione dalla classe immensa! Un abbraccio e in bocca al lupo per il futuro”, cinguetta l’ex capitano giallorosso su Twitter.

Nesta, Gattuso e Cannavaro — “Un altro genio del calcio ha appeso le scarpe al chiodo. Grande giocatore, grande uomo, grande amico. In bocca al lupo, Andrew”, è il messaggio via social di Alessandro Nesta, che con lui ha condiviso l’esperienza al Milan, la Nazionale e anche il viaggio negli States.Suo compagno in mediana, non poteva esimersi da un abbraccio caloroso anche l’allenatore del Milan Primavera Gennaro Gattuso: “Congratulazioni per una carriera straordinaria. Era un onore giocare a fianco a te”.
Ultimo, ma solo in ordine di tempo, Fabio Cannavaro, che ha ripercorso quel rigore di Grosso contro la Francia che fece sognare milioni di Italiani, nella Finale Mondiale: “E’ stato un onore aver giocato e vinto con te!”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *